LOADING

Type to search

Share

Pellicola trasparente per congelare: quanto è sicura e quali alternative ci sono per la conservazione del cibo? Vediamolo insieme!

Tutti i dettagli sulla pellicola alimentare

Una corretta conservazione degli alimenti è fondamentale per evitare che i cibi si deteriorino o che si possano sviluppare sostanze e microrganismi pericolosi per la salute. 

Sono tanti i prodotti utilizzati per congelare le vivande. Tra tutti, quello più popolare nelle cucine è sicuramente la pellicola per alimenti, con i suoi molteplici utilizzi.

Cosa prevede la legge

pane da mettere in freezer

Le pellicole utilizzate per conservare gli alimenti sono definite Materiali a Contatto con Alimenti, o MOCA. Di questa categoria fanno parte sia gli imballaggi che gli utensili da cucina, come posate e stoviglie, ovvero tutto ciò che è destinato a entrare in contatto con il cibo.

I materiali dei MOCA possono essere plastica, metallo, gomma, e tanti altri. Tuttavia, devono tutti rispettare i regolamenti dell’Unione Europea sulla fabbricazione per garantire uno standard di sicurezza, come si legge sul sito dell’EFSA, l’autorità europea per la sicurezza alimentare. Infatti, il regolamento Regolamento (CE) n. 1935/2004 stabilisce che:

  • i materiali non possono rilasciare componenti negli alimenti in quantità tali da mettere in pericolo la salute umana
  • i materiali non devono causare una modifica inaccettabile nella composizione, nel gusto e nell’odore degli alimenti.

Ma passiamo adesso alla pellicola per alimenti e conosciamo i materiali con cui viene fabbricata.

Com’è fatta la pellicola trasparente per congelare

Le pellicole più comuni per alimenti sono quelle in cloruro di polivinile o polivinilcloruro (identificate con la sigla PVC) e quelle a base di polietilene (identificate dalla sigla PE).

Gli aspetti positivi della pellicola in PVC sono:

  • aderisce perfettamente agli alimenti
  • è flessibile
  • ha un’elevata resistenza meccanica
  • è poco permeabile sia dall’acqua che dall’ossigeno.

Tuttavia, la pellicola trasparente per congelare ha anche degli aspetti negativi.

Infatti, ad oggi, il cloruro di vinile è classificato come sostanza cancerogena, perciò è ormai in disuso.

La pellicola in PE, invece, è meno aderente e flessibile, isola meno gli alimenti in esso contenuti e non è particolarmente adatta per gli alimenti secchi.

C’è da dire, tuttavia, che si tratta di un materiale più stabile e può essere utilizzata anche con alimenti grassi o che contengono alcol. Infatti, con questa tipologia di pellicola per alimenti, salumi, insaccati, formaggi e carni possono essere avvolti e conservati tranquillamente.

Come congelare i cibi

I cibi conservati nel congelatore devono essere protetti dal processo di essiccamento e dalla formazione di brina.

In più, bisogna fare in modo che alimenti dall’odore forte non possano trasmetterlo ad altri cibi. 

Perciò è necessario scegliere materiali che garantiscono una buona resistenza al freddo, nonché impermeabili all’acqua e agli odori.

Quale pellicola trasparente per congelare utilizzare

Sono tanti i materiali che si possono utilizzare per conservare e cucinare gli alimenti. Bisogna, però, conoscere quali sono quelli più adatti ad alcune tipologie di cibo e di sostanze.

  • Pellicola in PE: consigliata per alimenti grassi e contenenti alcol e per la carne. Da non utilizzare, invece, per cibi secchi o essiccati, come i legumi, né per formaggi freschi
  • Pellicola in PVC: ideale per la conservazione di alimenti acidi, frutta, verdura e pesce; non è adatta, invece, per i cibi oleosi o troppo ricchi di grassi e per i cibi caldi
  • Alluminio: questo particolare materiale protegge dall’umidità ed è adatto sia per conservare cibi secchi che umidi o molto grassi. Sconsigliato per cibi sotto sale. La pellicola di alluminio, inoltre, si rompe facilmente se il suo contenuto è molto duro e rigido ed è sconsigliata per coprire contenitori in metallo
  • Carta da forno: è adatta soltanto per la cottura, perciò non va utilizzata per conservare i cibi.

Le pellicole trasparenti in PE e PVC non sono adatte alla cottura e quindi non vanno  utilizzate nel forno tradizionale o nel microonde perché le pellicole trasparenti resistono fino a 100° (PVC) oppure circa 60°C (PE).

Ci sono, tuttavia, delle pellicole alimentari con cui è possibile cucinare, ma riportano una dicitura sulla confezione. È molto importante, quindi, introdurre nel microonde soltanto le pellicole che riportano le apposite diciture. Possono essere impiegate sia per scaldare i cibi che per cuocerli completamente.

L’alluminio, invece, è ideale per cuocere cibi al cartoccio nel forno tradizionale, ma non si può utilizzare nel microonde.

pellicola trasparente per congelare tortellini

Quali cibi si possono congelare

Si possono congelare: carne, pesce, verdura cotta o non ricca di acqua. Anche i cibi precotti sono adatti a essere congelati. Inoltre, si possono conservare nel congelatore persino frutta, pane, pasta e alimenti lievitati.

Anche i cibi freschi a volte vengono congelati per il trasporto: in questo caso sull’etichetta è indicato ‘prodotto decongelato’ e non può essere ricongelato.

Quali cibi non si possono congelare

Alcuni alimenti, invece, non possono essere riposti nel congelatore. Si tratta soprattutto dei cibi con alto contenuto di acqua, come ad esempio: pomodori, insalata, ananas e cibi fritti.

Non si possono congelare, inoltre, le salse, le creme a base di uova, né le uova stesse, poiché potrebbero incorrere in mutazioni dannose. Inoltre, è assolutamente proibito congelare cibi già scongelati in precedenza.

Alternative alla pellicola trasparente per congelare

La soluzione perfetta per ridurre i rifiuti e il contatto degli alimenti con la plastica durante il congelamento  è rappresentata dai contenitori in vetro con coperchio per il sottovuoto in silicone.

È fondamentale accertarsi che il coperchio in silicone sia adatto al contatto con gli alimenti e alle basse temperature.

Questi prodotti sono ideali per chi preferisce evitare il contatto con l’alluminio e con la plastica, magari per motivi di allergia. Infatti, i coperchi di plastica di alcuni contenitori in vetro potrebbero essere sostituiti con alternative più sicure in silicone.

Uno dei modelli migliori in commerciò è quello di DigHealth. Si tratta di una confezione di 12 coperchi in diversi formati che si adattano ai contenitori in ceramica, plastica, vetro e metallo. Il silicone aderisce perfettamente e rappresenta una perfetta alternativa alla classica pellicola trasparente monouso per congelare.

Infatti, questi coperchi possono essere lavati anche in lavastoviglie e riutilizzati, perciò rappresentano anche un risparmio economico. Comodi e versatili, sono ottimi per conservare i cibi ma anche per riscaldarli al microonde o nel forno tradizionale.

Bene, siamo giunti alla fine dell’articolo sulla pellicola trasparente per congelare gli alimenti. Se quest’articolo ti è piaciuto, leggi anche quello dedicato ai coperchi in silicone!

Tags: