LOADING

Type to search

Share

Abbinamento carta da parati e pittura: uno dei grandi dilemmi per chi deve arredare un’abitazione, uno studio o anche un ufficio. 

Scegliere colori e materiali per rendere un ambiente accogliente e armonico può essere difficile, tuttavia  esistono delle linee guida in grado di aiutarti. 

In questo articolo ti spieghiamo da dove iniziare per abbinare carte da parati e pittura e come scegliere le scale cromatiche per ciascuna camera

Sapevi che l’arredamento e le decorazioni per la zona notte – ed in particolare per la camera da letto – sono infatti molto diverse da quelle della zona giorno?

Ed ancora: ti spieghiamo come scegliere uno stile che faccia da filo conduttore in tutta la casa e con quali dettagli osare per dare personalità agli ambienti.

Sei pronto a scoprire come scegliere i colori perfetti?

Allora continua a leggere!

Abbinare carta da parati e pittura: da dove cominciare 

Prima di pensare a colori ed effetti di carte da parati e pitture, è necessario procedere con qualche semplice valutazione “tecnica” delle stanze. 

L’istinto e il gusto sono certamente due fedeli alleati, tuttavia non bastano per sfruttare al meglio gli spazi disponibili. 

Scopriamo quindi da dove cominciare per scegliere la carta da parati.

Carte da parati: valutare le dimensioni delle stanze

La prima valutazione riguarda le dimensioni di ciascuna stanza e la posizione di porte, finestre e balconi. 

Questi rappresentano motivo di discontinuità ed è meglio che siano mimetizzati o evidenziati a seconda delle caratteristiche dell’ambiente. 

Perché?

La carta da parati, a prescindere dalle decorazioni e dai colori, ha molto spesso un effetto totalizzante o quanto meno dominante sul resto della stanza. 

Per questo motivo è sconsigliato utilizzarla su tutte le pareti. Meglio solo su una o al massimo due pareti. 

Quelle che restano possono essere pitturate con colori neutri o con colori che richiamano la carta. 

A tal proposito ti consigliamo di non discostarti troppo dalle tonalità della carta: meglio spostarti da un paio di toni più chiari ad un paio di toni più scuri. 

E mi raccomando: fai sempre attenzione alla quantità di luce naturale che arriva nella stanza e all’affetto che desideri creare!

Pittura e carta da parati: a ciascuna stanza una gamma di colori

La seconda importante valutazione nella scelta dei colori e dei motivi per l’abbinamento di carta da parati e pittura riguarda l’uso che intendi fare di ciascuna stanza. 

Quali sono i colori per la zona giorno?

Per la zona giorno – sala da pranzo, cucina, studio – ti consigliamo di usare colori caldi

È infatti provato che la gamma rosso-arancio attiva la circolazione sanguigna, quindi le tonalità che vanno dal giallo all’arancio fino al rosso favoriscono la socialità, l’attività di ogni tipo e la concentrazione.

E per quanto riguarda le carte da parati?

Toni caldi e motivi pop, astratti o geometrici saranno perfetti per queste camere!

Quali sono i colori per la zona notte?

Per la zona notte e le aree relax meglio scegliere i colori freddi e rilassanti dal momento che la gamma cromatica che va dal verde al blu rallenta la circolazione sanguigna. 

Blu, indaco, violetto, verde, grigio e derivati contribuiscono a dare un senso di tranquillità e rilassamento. 

In particolare: in camera da letto meglio scegli le tonalità del blu o grigio, per soggiorno e living room meglio le sfumature più naturali di verde

camera da letto colori freddi

Ai colori appena elencati puoi abbinare una carta con motivi floreali, geometrici astratti oppure in stile pop art con immagini. 

Ora che abbiamo scoperto come scegliere i colori in base alla destinazione d’uso delle varie stanze, scopriamo come abbinarli al meglio.

Come abbiamo già detto, l’accostamento migliore è quello che rimane vicino al colore base discostandosi al massimo di due toni, sia più chiari che più scuri. 

Tuttavia esistono altri abbinamenti che puoi prendere in considerazione se vuoi dare alla tua casa un tocco unico e personale. 

Scopriamo insieme quali sono. 

Abbinare pittura e carta da parati: come scegliere i colori

Se desideri una casa armonica e accogliente ma vuoi accostare i colori in maniera creativa e inusuale puoi seguire due diverse regole: 

  • colori a contrasto
  • colori complementari.

Per sapere quali sono i colori a contrasto e quelli complementari ti suggeriamo di usare la ruota dei colori. Si tratta di una guida ideale con colori primari secondari e terziari disposti circolarmente in posizioni ben definite. 

Lo scopo è quello di abbinare i colori ed è molto usata nell’arredamento e per l’interior design

decorazione carta da parati

Abbinare carte e pitture con colori a contrasto

È possibile ottenere i contrasti di colori più decisi con la contrapposizione dei colori della ruota: rosso-verde, giallo-viola e anche nero-bianco. 

Naturalmente sono accostamenti da usare con molta prudenza su pareti non troppo vaste nè troppo piccole. 

Ma non è finita qui. 

Quanto più sono vivaci le tonalità tanto più netto sarà il contrasto e quindi l’effetto finale.  

Se vuoi ottenere un risultato altrettanto originale ma più attenuato e piacevole, puoi scegliere una diversa tonalità – più chiara o più scura – dello stesso colore.

Abbinare carte e pitture con colori complementari

Un altro modo per utilizzare i colori è quello di selezionare i complementari.

Cosa significa questo? Lascia che ti spieghiamo…

I colori complementari sono quelli che si trovano frontali ed opposti sulla scala dei colori. Ad esempio giallo – viola, rosso – verde. 

Una volta scelta la combinazione tonalità complementari, dovrai selezionarne uno tra questi da portare nelle altre stanze. 

Creerai in tal modo uno stile di grande effetto oltre ed un arredamento coerente e piacevole.

Ma non è tutto. 

Ricorda che tutti i colori assumono importanza sulla base di quelli a cui sono abbinati.

La personalità e la rilevanza di uno o dell’altro dipenderà dalla palette complessiva.  

Scegli i colori sempre in rapporto al contesto generale e sulla base dell’impatto emozionale desiderato. 

Carta da parati e pittura: non solo colore ma anche “effetti”

L’abbinamento di carta da parati e pittura non si ferma al semplice accostamento di colori. 

Puoi pensare di riportare lo stesso effetto presente sulla carta anche sulle pareti. 

In tal modo è possibile creare una continuità che va ben oltre il semplice colore. 

I metodi più utilizzati per ricreare tali effetti sono diversi:

  • metodo a spatola: con l’uso di spatola o intonaco puoi creare superfici irregolari e apparentemente ruvide simili a quelle della carta. Naturalmente dovrai rendere l’effetto tonalità di colori che riprendono direttamente quelli della carta da parati 
  • effetto calcestruzzo: imita il deterioramento del calcestruzzo ed è molto in voga per attici, loft, monolocali e ambienti unici di città. Per ottenere questo effetto puoi usare set veri e propri che contengono intonaco, vernice e materiali per la carta da parati. Se il calcestruzzo è troppo moderno o non adatto all’ambiente della tua casa, puoi usare set per creare un “effetto marmo”, “arenaria” o “ardesia”
  • smalto oro/argento/bronzo/ruggine: per creare pareti brillanti o luccicanti – anche spatolate. Come per gli effetti già citati, anche per questo esistono veri e propri set con vernice primer e colori. 
effetti carta da parati e pittura

Abbinare più di una carta da parati: sì, ma con attenzione!

Se ami rischiare e vuoi creare uno stile davvero unico ed inimitabile, puoi pensare di abbinare diverse carte da parati!

Sì, hai capito bene: diversi motivi, più decorazioni, un unico effetto!

Utilizzare più carte all’interno dello stesso ambiente è prerogativa degli esperti del settore e può rivelarsi molto complesso. 

In questo caso bisogna infatti sposare non solo differenti colori ma anche immagini e fantasie che ad un primo sguardo potrebbero sembrare contrastanti. 

La regola generale è che i colori delle carte devono essere gli stessi, i motivi meglio se diversi. In tal modo la stanza risulterà idealmente suddivisa in più stanze grazie alle carte da parati diverse. 

Se ti piace l’idea di abbinare più carte da parati ti consigliamo però di evitare il fai da te e di affidarti ai consigli di un arredatore o interior designer professionista. 

Carta da parati: perché utilizzarla e quale scegliere?

La carta da parati, molto usata negli anni Settanta, da qualche tempo è tornata di gran moda, in particolare per arredare stanze dedicate al relax.

Di facile applicazione, grazie anche ai nuovi materiali e alle nuove tecnologie, è in grado di durare nel tempo. 

Inoltre lascia traspirare le pareti proteggendole da muffe e macchie. 

C’è di più. 

Alcune carte da parati eco-friendly – grazie ad una speciale composizione – purificano l’aria e annullano gli effetti di vernici tossiche e altre sostanze chimiche come ad esempio la formaldeide.

In generale la carta da parati abbinata alla pittura è di grande effetto e molto versatile perché adatta sia alle abitazioni che a studi e locali commerciali. 

Abbinare carta da parati e pittura: 3 regole per non sbagliare

Ora che abbiamo visto quali sono le linee guida nell’abbinamento carta da parati – pittura, scopriamo come procedere praticamente. 

Quando cambi colore di una o più stanze ti sarà utile in primo luogo tener conto dell’arredamento in arrivo o già presente. Inoltre per un effetto d’insieme ancora più coerente puoi abbinare carta e pittura ai pavimenti e rivestimenti!

Perciò la prima regola generale è scegliere due colori vicini nella scala cromatica e optare per mobili con colori neutri o comunque chiari. 

In alternativa puoi scegliere una carta da parati per una sola parete e pitturare con colori coordinati i muri rimanenti. Questa soluzione in particolare crea un effetto di grande calore

Infine: prediligere il bianco in abbinamento alla carta. 

Colore neutro per eccellenza, si adatta ad ambienti sia moderni che rustici. 

abbinamento carta da parati e colori neutri

Ma non è tutto. 

Il bianco dà luce ad ambienti poco illuminati e dilata stanze con metratura limitata. 

Attenzione però: esistono diverse tonalità di bianco e tu dovrai essere bravo ad abbinarlo alla carta da parati che hai scelto!

A dettagli grigi o marroni meglio abbinare bianco avorio o crema. 

Carte con decorazioni rosse si sposano bene con tonalità di bianchi che virano al grigio; con i blu meglio bianchi molto freddi con riflessi viola-indaco. 

Speriamo che le nostre dritte sull’abbinamento carta da parati e pittura ti siano state utili. 

Inoltre ricorda che carte da  parati e pittura possono essere sostituite o rimodernate con spese contenute e la manodopera di professionisti del settore. 

Cosa significa questo?

Vuol dire che colori e decorazioni sono molto importanti e devi scegliere con cura.  Tuttavia potrai cambiare spesso e senza troppa fatica, ogni volta che vorrai dare nuova personalità alla tua casa!

Continua a seguirci per scoprire come rendere la tua casa un’oasi di benessere per te e per i tuoi ospiti!

Tags: